Close

Gli immancabili salva spazio in viaggio e anche in casa

É possibile viaggiare con i bambini senza traslocare mezza casa? La risposta è si, basta un minimo di organizzazione e qualche astuzia salva spazio!

Cosa ci blocca dal decidere di partire per un viaggio quando ci sono i bambini? Spesso è il timore di non trovare tutti quegli oggetti che riteniamo essere indispensabili per il loro benessere. E siccome non possiamo di certo partire con tutte le attrezzature che utilizziamo nel quotidiano, a volte limitiamo il nostro desiderio di scollinare oltre i soliti lidi sicuri.

Niente paura, per chi non se la sente di fare il genitore spartano e ha necessità che anche in viaggio siano rispettate alcune routine, vi segnalo una lista di oggetti immancabili che, in alcuni casi, si riveleranno estremamente utili anche a casa.

Articoli salva spazio che non incideranno sulle dimensioni dei vostri bagagli!

Ecco la nostra personale selezione degli immancabili articoli per bambini in viaggio e anche in casa e qualche indicazione su dove acquistarli.

La vaschetta gonfiabile per il bagnetto dei bambini

La vaschetta gonfiabile per noi è stata la svolta. E devo dire che prima ancora di usarla in viaggio l’ho stra-usata a casa. Sì perchè, essendo io socia onoraria del club delle maldestre, prima di scoprire la vaschetta gonfiabile, ho rischiato che mia figlia sbattesse la testa in ogni dove, e per il timore che mi scivolasse, il bagnetto era un momento tutt’altro che rilassante.

Poi un giorno per caso ho trovato la pubblicità della vaschetta gonfiabile della Janè ed è stato letteralmente amore. L’ho dismessa quando ormai Eva entrava in vasca da sola, ma devo dire che mi è mancata molto, sin tanto che non siamo passate alla doccia.

Vi state domando perchè? I motivi sono svariati: è totalmente morbida, quindi il rischio di urti è praticamente azzerato; si gonfia come un comune salvagente, quindi non servono pompe o pompette, basta metterci un po’ di fiato ed è pronta, poi se volete usare la pompetta non è certo vietato. Una volta gonfia, la si appoggia sul fondo della vasca e la si riempie, si controlla la temperatura dell’acqua e si passa al divertimento. Naturalmente può essere appoggiata anche sul pavimento se lo preferite.

vaschetta gonfiabile jane

Ho scoperto nel tempo che ci sono vari modelli di vaschette gonfiabili, per i piccini io consiglio quelle che hanno il riduttore o il cuscino per non rimanere completamente distesi, così passa anche l’ansia da annegamento e i bimbi possono godersi in pace il loro bagnetto sin da piccini. Una volta che poi riescono a stare seduti da soli si tolgono le riduzioni e si passa ai giochini da bagno con buona pace degli schizzi su piastrelle e pavimenti.

Nel caso in cui non abbiate la vasca, ma solo la doccia e state già pensando con timore quale sarà il passaggio dalla vaschetta del fasciatoio alla doccia, niente paura. Esiste la versione gonfiabile anche da doccia. Qui la pompetta diventa necessaria, ci sono anche i tappi per lo scarico. Insomma una mini piscina da interni!

In questo caso, è consigliato l’utilizzo con bimbi che stanno bene seduti, non essendoci riduttori o cuscini, la si può utilizzare con bambini gradi che preferiscono comunque il bagnetto alla doccia. Una volta che dismetterete la vaschetta, saranno bravissimi a fare la doccia da soli e sarà sufficiente un tappetino antiscivolo.

Il fasciatoio gonfiabile

Confesso di non aver mai posseduto il classico fasciatoio con la struttura o i cassetti. Le storie sui “voli dal fasciatoio” mi avevano talmente preoccupata, che avevo deciso di studiare una soluzione che potesse arginare il rischio il più possibile. Come dicevo prima sono piuttosto maldestra.

Quando ho progettato il nostro fasciatoio a “ridotto rischio volo”, ho scoperto l’esistenza dei fasciatoi gonfiabili. Fino ad allora, oltre ai classici, avevo avuto modo di vedere solo quelli imbottiti in gomma piuma. Sicuramente confortevoli, ma decisamente intrasportabili. E io volevo qualcosa che fosse versatile, quindi che potesse essere posizionato sul nostro fasciatoio – composto da un piano di legno sorretto da due cavalletti Ikea, (minima spesa massima resa e una volta che lo spannolinamento è completato si ritrasforma in una comoda scrivania) – ma che all’occorrenza potesse essere usato anche in viaggio.

Ovviamente esisteva ed era comodissimo, coi suoi salsicciotti laterali a prova di rotolamento. Devo dire che quando si è bucato mi è scesa una lacrimuccia, ma Eva era quasi completamente spannolinata e quindi non è stato necessario riacquistarne uno nuovo.

L’alzasedia gonfiabile

Che emozione lo svezzamento, anche se qualche volta può essere accompagnato da qualche ansia di troppo.

Allora noi diciamo take it easy e goditi il pasto, anche in vacanza naturalmente.

Ma se viaggiare vi sembra un miraggio perchè avete il dubbio che non troverete ovunque seggioloni o alzasedia idonei o se stavate rinunciando alla prenotazione su Airbnb perchè l’host non aveva tra le dotazioni un seggiolone per il vostro cucciolo, noi abbiamo scovato la soluzione che fa per voi ed è ovviamente gonfiabile.

Ingombro minimo, lo potrete tenere in borsa e sfoderare all’occorrenza, si fissa a quasi tutti i modelli di sedia con delle cinghie di sicurezza ed ha il vantaggio di essere imbottito, quindi senza dubbio anche molto confortevole. Poi essendo interamente in plastica si pulisce anche con estrema facilità.

Riduttore pieghevole e vasino da viaggio

Altra tappa importante nell’autonomia dei bimbi è lo spannolinamento. Un periodo di tempo ad alto rischio incidenti che può essere piuttosto variabile nella durata. E nel mentre che si fa? Non possiamo certo rimanere chiusi in casa.

Nella mia esperienza posso dire di aver svoltato con il riduttore pieghevole, del resto mia figlia non ha mai voluto usare il vasino. Io ne avevo trovato un modello comodissimo che stava anche in borsa e lo sfoderavo ad ogni bagno pubblico senza troppi pensieri. E stato nostro fedele compagno di viaggio per diverso tempo, poi lo abbiamo dovuto pensionare per raggiunti limiti di età, ma non possiamo che consigliarlo.

Per chi invece preferisce ancora il vasino c’è la versione da viaggio da poter utilizzare praticamente ovunque con dei comuni sacchetti, e in prospettiva i piedini si trasformano in alette e diventa un pratico riduttore.

Materasso gonfiabile con sacco a pelo

Poi i bimbi crescono e cominciano a volere sempre più autonomia e hanno bisogno di avere il loro letto anche in vacanza.

Ma non è l’unica occasione in cui un letto trasportabile e “riponibile” viene comodo. Se si organizza un pigiama party , ad esempio, o se ospita qualche amico a casa o al mare. O anche quando ci facciamo ospitare noi dai nonni o dai cuginetti.

 

Ecco risolto anche questo bisogno. Il materasso è comodissimo le dimensioni sono 150 x 62 x 20 cm, è compresa la borsa per trasportarlo e la pompetta per gonfiarlo. La scelta del personaggio lasciatela ai vostri bimbi, io ho optato per i Trolls, perchè ormai anche Elsa a casa nostra non va più di moda, ma sappiate che c’è anche lei tra le varianti tra le quali scegliere.

Avete ancora dubbi sul prossimo viaggio?

 

 

questo articolo contiene link affiliati 

About Giovanna

Giovanna alias Giò, amo viaggiare, il mare, i dolci, i libri per bambini, i film di Almodovar, le scarpe, il cioccolato fondente e la cannella. Quando mi appassiono ci metto l'anima, ma non cedo facilmente alle mode passeggere o alle lusinghe. La mia prima risposta e' sempre no, da buona bilancia amo ponderare tutti i pro e i contro almeno millemila volte. Chi mi ama lo fa per sempre.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyright © 2016 Rolling mamas. All Rights Reserved.