Ergobaby Adapt: caratteristiche e recensione

All’inizio del 2016, Ergobaby, colosso statunitense del babywearing, ha lanciato  sul mercato un nuovo modello di marsupio chiamato Ergobaby Adapt. Si tratta del primo modello di marsupio Ergobaby dotato di pannello regolabile.

Perchè, a torto o a ragione, i marsupi dotati di pannello regolabile sembrano essere quelli più appetibili ai compratori. In realtà, l’Ergobaby Adapt è solo parzialmente regolabile, infatti presenta un sistema di riduzione della seduta, ma non una regolazione dell’altezza del pannello. E qui sta il primo problema.

Inoltre, la riduzione del pannelo prevede tre posizioni che si possono riassumere come:

  • Piccola (segno bianco)
  • Molto piccola (segno giallo)
  • Molto molto piccola (segno rosso)

 

Più che seguire la crescita del portato, il sistema di regolazione dell’Ergobaby sembra orientarsi al far usare il marsupio il più presto possibile. Ma l’uso di un marsupio non è consigliabile per neonati; la dimensione del pannello non è infatti l’unico parametro da prendere in considerazione quando si sceglie un supporto da usare nei primissimi mesi di vita. Peraltro, l’altezza del pannello di Ergobaby Adapt non sarebbe comunque adeguata a bambini molto piccoli.

Caratteristiche Ergobaby Adapt

Dimensioni pannello

Altezza 39 cm

Larghezza seduta: la regolazione della seduta del marsupio avviene tramite un sistema basato sul velcro e fissato poi con dei bottoni automatici.

Due alette del pannello possono essere staccate dal fascione ed essere posizionate a 3 larghezze diverse:

  • Posizione A: 27 cm, indicato dal produttore per bambini di 50,8 cm di lunghezza (uso consigliato* dai 0 mesi);

 

  • Posizione B:34  cm, indicato dal produttore per bambini dai 61 cm di lunghezza (uso consigliato* dai 3 ai 9 mesi di età);

 

 

  • Posizione C: 37 cm, indicato dal produttore per bambini dai 71 cm di lunghezza (uso consigliato* dai 9 ai 48 mesi di età).

 

*uso consigliato dall’azienda produttrice

Optional e accessori

A differenza di altri modelli Ergobaby, l’Adapt non è dotato di tasca-portaoggetti.

E’ presente un reggitesta che non può essere staccato dal pannello.

Recensione Ergobaby Adapt

L’Ergobaby Adapt non ci ha particolarmente convinto. Abbiamo apprezzato l’eliminazione della tasca porta oggetti a livello del pannello, per non creare volume dietro la schiena del portato. Abbiamo anche apprezzato, almeno in parte, l’idea di abbandonare il riduttore per neonati.

Ma ci sono una serie di altre caratteristiche che non ci permettono di considerare questo marsupio come un acquisto consigliabile.

Il primo problema sta nel pannello non dotato di regolazione in altezza e con regolazione in ampiezza che non segue realmente la crescita del portato, come abbiamo avuto modo di notare sopra. Come possiamo vedere dalle foto, per un bambino di 6 settimane (di costituzione tutt’altro che minuta), l’altezza del pannello è davvero esagerata e il piccolo Ludovico sembra perdercisi dentro. Da notare, peraltro, come il punto di attacco degli spallacci, crei una tensione al centro della schiena inadeguata ad un bimbo così piccolo.

(si ringraziano l’istruttrice PIP Elena Fassina ed il piccolo Ludo per essersi prestati a questa prova che, giurin giurella, è durata il minimo indispensabile)

D’altro canto, per un bambino di 4 anni (età massima indicata dal produttore), il pannello risulta troppo basso.

L’altezza del pannello risulterebbe quindi adeguata sono nella fascia di età intermedia, anche se, rispetto al modello classico di Ergobaby, l’altezza del pannello è stata aumentata.

Un altro difetto che abbiamo riscontrato in questo marsupio è l’assenza di cinghie di regolazione a livello della parte superiore dello spallaccio. E’ vero che nemmeno i modelli precedenti di Ergobaby presentano questo punto di regolazione ed è altrettanto vero che altri marchi di marsupi ne sono sprovvisti, senza che questo causi particolari problemi, ma in Ergobaby Adapt, l’assenza di questo punto di regolazione si associa all’eccessiva lunghezza della parte imbottita degli spallacci.

Queste due caratteristiche rendono impossibile regolare adeguatamente la lunghezza degli spallacci su corporature esili, snelle (come Elena) o medie (nella foto sopra vediamo mamma Ambra con il piccolo Niccolò 6 mesi) con conseguente non aderenza dello spallaccio al corpo del portatore in prossimità del pannello. Si crea, quindi, uno spazio vuoto laterale eccessivo che, oltre a non fornire adeguato contenimento, può anche portare allo scivolamento laterale del portato, in caso di bambini piccoli. In caso di bambini più grandicelli, l’aderenza imperfetta si traduce in un continuo oscillamento del portato all’interno del supporto, con conseguente sovraccarico a livello della regione lombare della schiena del portatore.

 

In attesa di un modello più soddisfacente da parte di Ergobaby, partendo dall’ Original uno dei padri fondatori della marsupio-mania, non possiamo che non promuovere Ergobaby Adapt.

 

questo post potrebbe contenere link affiliati, il prezzo che pagherete se acquisterete attraverso il link non subirà alcuna variazione

About Giorgia

Sono Giorgia, adoro i miei cani, amo tutti i cani del mondo, il buon cibo, il mare, il sapere, Netflix, i viaggi itineranti e scrivere. Sono un vulcano di idee e progetti, ho sempre qualcosa di nuovo da conoscere e studiare, amo studiare quasi quanto amo gli stuzzichini dell'aperitivo. Ho qualche problema con l'agenda, ma non manco mai un appuntamento. Chi mi ama lo fa senza condizioni.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *