Close

Porto con bambini: in viaggio senza passeggino

Quando si dice Portogallo si pensa subito a Lisbona, voglio invece offrirvi una meta alternativa che vi permetterà di trascorre un week end alla scoperta di una città che mi ha conquistata e da dove la scorsa estate è cominciato il nostro on the road Portogallo, sto parlando di Porto con bambini e senza passeggino.

Porto con bambini

Perchè decidere di visitare Porto?

Per noi è stata inizialmente una scelta obbligata. Il volo più economico per raggiungere il Portogallo atterrava proprio a Porto, Ryanair infatti copre la tratta da Bergamo con almeno un volo giornaliero che in circa due ore e mezzo vi porterà a destinazione.

In realtà i motivi per cui visitare Porto abbiamo scoperto essere svariati. La città si presta ad essere visitata in un week end, è molto raccolta pertanto si può tranquillamente girare a piedi, è sede delle migliori cantine produttrici di Porto il che sicuramente non guasta.  E’ una città piuttosto economica così come quasi tutto il Portogallo, e da qui è possibile programmare diversi itinerari anche nei dintorni se i giorni a disposizione per il vostro viaggio fossero più di due. Ultimo, ma di vitale importanza è una città dove i bimbi sono sempre i benvenuti e questo lo scoprirete sin da subito.

Porto con bambini

Porto con bambini

 

Come muoversi a Porto

Noi abbiamo trovato Porto comoda da girare a piedi perché piuttosto raccolta e perché comunque è una cosa che ci piace fare, scegliendo di alloggiare in zona piuttosto centrale. In ogni caso per raggiungere il centro dall’aeroporto abbiamo utilizzato la comodissima metro (linea lilla) utilizzando la carta ricaricabile Andante, al costo di 0,60 centesimi, acquistabile alle macchinette presso tutte le stazioni metropolitane.

La potrete caricare dell’importo desiderato in base ai viaggi che volete fare. Ogni zona ha un costo differente, ma selezionando la zona di interesse apparirà il costo del viaggio  e l’importo da caricare.

Per raggiungere dall’aeroporto il centro città selezionerete la zona Z4, le aree di interesse del centro città sono invece in zona Z2. Esiste anche la carta Andante che dura 24 ore dal primo utilizzo (costo 7 Euro), ma considerando che il centro di Porto è visitabile agevolmente a piedi, non l’abbiamo ritenuta una soluzione interessante. Ogni viaggiatore deve utilizzare la propria Andante, i bambini sotto i 5 anni viaggiano gratuitamente.

Ricordate solamente che qui le salite e le discese possono essere davvero impegnative e il passeggino potrebbe non rivelarsi un buon alleato.

Porto con bambini

Cosa visitare a Porto con bambini

La cosa che mi ha colpito appena arrivata a Porto è stata l’atmosfera. Il cielo terso di un azzurro intenso, una brezza che ci avrebbe accompagnato per tutti i giorni a venire e gli azulejos (piastrelline decorate che riportano disegni o forme geometriche prevalentemente in colore azzurro intenso). Un mix che ha decisamente fatto scattare l’amore per Porto.

Il primo approccio è stato un po’ casuale, siamo partiti con un giro di perlustrazione che ci ha portati, una volta affrontata una discesa a perdifiato vicino a quello che per me resta il vero luogo simbolo di Porto, ovvero la Ribeira.

Porto con bambini

Il quartiere della Ribeira si trova sul lungo fiume, non potrete che rimanerne affascinati. Le case colorate, i balconi in ferro battuto, la biancheria stesa ad asciugare, i vicoli, le stradine acciottolate che sbucano tutte sull’acqua del Douro, insomma per noi, ma credo un po’ per chiunque decida di visitare Porto, questo è il quartiere più pittoresco della città, non per nulla è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.

Porto con bambini

Se come noi non badate molto alla forma, ma più alla sostanza, c’è un localino che non potete perdervi tra le salite dei vicoli. Si tratta di un piccolo locale molto semplice, gestito da due sorelle L’ Escondidinho do Barredo, dove abbiamo mangiato le bolhinos de bacalhau  più strepitose di tutto il viaggio, se siete fortunati potrete vedere la nonna intenta a prepararle. Non aspettatevi nulla di particolare, tavoli e panche di legno ed una scelta di tapas (sardine alla brace, insalata di polpo, polpette di baccalá e tanto altro) che non dimenticherete.

Porto con bambini

Oltre che fermarsi in uno dei tanti localini che affacciano sul Douro, dalla Ribeira partono delle piccole crociere alla scoperta del fiume che senza alcun dubbio piaceranno anche ai bambini. Le imbarcazioni partono dai piccoli moli presenti ad orari prestabiliti e offrono diverse opportunità dal semplice giro sul lungo fiume alla scoperta dei ponti della città a quelle più complete che occuperanno un’intera giornata alla scoperta della valle del Douro. Noi abbiamo scelto la versione breve ed abbiamo potuto ammirare da vicino Il maestoso ponte in ferro Dom Luis I, progettato da un assistente di Gustave Eiffel (il progettista della Torre omonima e della Statua della Libertà di New York) che sovrasta la parte meridionale della Ribeira e collega la città a Vila Nova de Gaia, che sorge sulla sponda opposta del Douro.

Porto con bambini

Porto con bambini

Porto con bambini

A Vila Nova de Gaia hanno sede le  più antiche case produttrici del vino Porto e dal fiume se ne possono ammirare le grandi insegne. Il ponte è suddiviso in due piani, una parte superiore riservata a tram e pedoni e la parte sottostante riservata alle auto, i bimbi potranno correre senza problemi, l’arrivo del tram è ben riconoscibile. Percorrere il ponte a piedi vi farà godere di un bellissimo panorama e vi accompagnerà a Vila Nova de Gaia dove oltre alle rinomate cantine dove potrete degustare dell’ottimo vino Porto, troverete un bellissimo parco dove stendervi o fermarvi a giocare coi bimbi. Se non avrete voglia di tornare a piedi potrete farlo anche con la teleferica che collega le due sponde.

Porto con bambini

Porto con bambini

Porto con bambini

Tra le tante cose da vedere in giro per la città spicca senza dubbio la Torre dos Clérigos che è l’emblema della città di Porto, noi l’abbiamo raggiunta nel corso di una bella passeggiata per la città un po’ senza meta. È possibile salire sulla cima per godere di un panorama a 360 gradi, dopo aver percorso però 255 gradini, oppure sdraiarsi nei giardini sottostanti e godere dell’atmosfera rilassata che si respira. Nei pressi della Torre per gli appassionati di Harry Potter ci sarà l’imperdibile tappa a la Livraria Lello. L’ingresso è a pagamento (4 euro) che però verranno scontati in caso di acquisto. Preparatevi a fare un po’ di coda per entrare, il posto è piuttosto piccolo, ma la famosa scala in legno ed in generale tutto l’ambiente vi ripagherà dell’attesa.

Porto con bambini

Girovagando per la città fermatevi a vedere la bella stazione di  Sao Bento, il cui atrio principale è rivestito di bellissimi azulejos che raffigurano battaglie storiche e la Sè, la cattedrale di Porto che è posizionata su un’altura, quasi fosse un castello e affaccia sul fiume e sulla città, l’ingresso al chiostro ricoperto di anche lui di splendidi azulejos è a pagamento. Perdetevi ad ammirare le tante chiese sparse per la città se come noi vi appassionerete alla vista degli azulejos.

Porto con bambini

Porto con bambini

Porto con bambini

Siccome il viaggio era anche  misura di bambini abbiamo dedicato un’intera mattinata alla visita do Jardim do Palacio de Cristal, uno splendido parco che offre meravigliosi scorci sul fiume, oltre che divertenti sentieri con piccoli giardini fioriti, spazi gioco per i bimbi, fontane, pavoni in libertà e la meravigliosa scritta che vedete in copertina dove non potrete non fermarvi a scattare qualche foto. E’ presente anche un bel chiosco dove è possibile pranzare o semplicemente prendere un gelato a prezzi contenuti. Il parco non si presta ad essere girato con il passeggino se non per brevissimi tratti.

Altro consiglio per una cena in una tipica Tasca locale, è di provare la cucina del Murca No Porto. Il proprietario, che si occupa anche di servire ai tavoli, è davvero molto gentile e accogliente, un occhio di riguardo ai bimbi non manca, menù a prezzo fisso bevande escluse. Se avete voglia di provare un locale frequentato da abitanti del posto che vi offrirà una buona cucina casalinga a prezzi davvero contenuti questa è una buona soluzione. A noi è piaciuta molto la tipica zuppa locale il Caldo Verde e le immancabili sardine alla griglia.

In città troverete inoltre tante pasticcerie che espongono i Pasteis de Nata dolcetti di pasta sfoglia con crema, ma sappiate che i migliori li mangerete nel quartiere di Belém a Lisbona, che è raggiungibile in treno con un viaggio di poco meno di tre ore dalla stazione principale di Porto Campanhã.

I dolci tipici di Porto sono invece i Bolos de Arroz dal gusto simile al plumcake. Per concludere se la bilancia non è vostra nemica e vi piacciono i cibi molto ricchi e conditi non dimenticatevi di assaggiare la Francesinha, la servono praticamente in tutti i locali. Tecnicamente si tratta di un panino… ma sappiate che andrà mangiato con coltello e forchetta.

About Giovanna

Giovanna alias Giò, amo viaggiare, il mare, i dolci, i libri per bambini, i film di Almodovar, le scarpe, il cioccolato fondente e la cannella. Quando mi appassiono ci metto l'anima, ma non cedo facilmente alle mode passeggere o alle lusinghe. La mia prima risposta e' sempre no, da buona bilancia amo ponderare tutti i pro e i contro almeno millemila volte. Chi mi ama lo fa per sempre.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyright © 2016 Rolling mamas. All Rights Reserved.